Melo

Portainnesto clonale. Portainnesto di media vigoria che presenta un buon ancoraggio radicale.

Portainnesto clonale.  Induce una elevata vigoria e produttività, precoce messa a frutto.

Portainnesto clonale. Scarsamente utilizzato nella moderna frutticoltura, produce un albero di medio vigore con frutti di modesta pezzatura.

Portainnesto clonale. Precoce messa a frutto e buona produttività. Piante con buon ancoraggio, è pollonifero, sensibile al marciume del colletto ed ai tumori radicali.

Portainnesto da seme. Portainnesto per tutte le varietà di melo dove induce una vigoria molto elevata ed una lenta entrata in produzione.

Portainnesto clonale. Adatto ai terreni siccitosi. Produce alberi di medio-scarso vigore, non gestibili da terra.

Portainnesto clonale. E' il portainnesto più debole che permette di ottenere una precoce entrata in produzione. E' adatto quindi per cultivar vigorose che tardano ad entrare in produzione.

Portainnesto clonale Attualmente più usato del MM106 per la sua maggior resistenza al marciume radicale e per la sua maggiore adattabilità ai terreni di scarsa fertilità.

La precoce messa a frutto e l’elevata produttività, l’ottima qualità dei frutti (esalta sapore, pezzatura e colore) compensano la scarsa vigoria che può necessitare di sostegni.

Portainnesto clonale. Induce una buona vigoria e produttività.