Originaria della Nuova Zelanda, è una cultivar di rapida ed abbondante fruttificazione. Frutto grosso, oblungo, asimmetrico, verdastro-chiaro, stirato o marezzato di rosso bruno (in alcuni ambienti di rosso brillante) su almeno il 40% della superficie;

polpa compatta, non sempre soda (in pianura tende a sfarinare), succosa, dolce acidula, poco aromatica. I frutti vanno soggetti a “maculatura amara” pertanto sono consigliabili frequenti applicazioni di calcio. Albero poco vigoroso. La raccolta si effettua da fine settembre a fine ottobre (in pianura può necessitare: di tre stacchi; nelle zone prealpine ed alpine di bassa altitudine: due stacchi).