Caratterizzato da una buona e constante produttività, e da un frutto grosso, con buccia color ruggine, polpa di media consistenza, zuccherina e aromatica, molto fine. Buona la conservazione nel breve periodo.

L’albero molto vigoroso, fruttifica prevalentemente su lamburde. Si consiglia l’impiego dell’intermedio per la sua scarsa affinità con il cotogno. Ottima alternativa anche l’innesto su franchi clonali che ne riducono però la caratteristica bronzatura. La raccolta si effettua nella II° decade di settembre.